Istruzioni per la compilazione del MUD rifiuti

Le aziende di gestione dei rifiuti come Nova Ecologica sono tenuti alla compilazione annuale del modello MUD rifiuti. Occorre verificare che il modello sia quello idoneo per l’anno di interesse perché potrebbero esserci delle varianti. Generalmente il MUD è articolato in sei tipologie di dichiarazione: per la gestione dei rifiuti, veicoli fuori uso, imballaggi, RAEE, produttori AEE, rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione. Le dichiarazioni devono essere inoltrate dai soggetti responsabili per gli adempimenti, vale a dire, trasportatori, intermediari, recuperatori, smaltitori, produttori di rifiuti pericolosi e non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, artigianali e trattamento delle scorie.

Struttura e istruzioni per la compilazione

Il modulo MUD, si è detto, è articolato per sezioni:

  • Sezione rifiuti: a sua volta suddivisa in scheda per i rifiuti e per i materiali (moduli RT, RE, DR, TE, MG);

  • Sezione intermediazione: scheda INT (moduli UO e UD).

Per la comunicazione dei veicoli fuori uso occorre compilare la scheda a seconda che si è autodemolitori, rottamatori o frantumatori (Moduli RT Veic, DR veic, TE-Veic, MG-veic)

La comunicazione per imballaggi si suddivide in Sezione Consorzi (scheda SRIU, SMAT, STIP, SBOP e Scheda Cons con moduli UO-Cons e DR-Cons) e Sezione Gestori rifiuti di imballaggio con scheda IMB (utilizzare moduli RT-Imb, DR-Imb, TE-Imb, MG-Imb).

Le comunicazioni per i rifiuti RAEE richiedono la compilazione della Scheda CR RAEE (Centri Raccolta) o la scheda TRA-RAEE (se trattasi di impianto di trattamento) e i moduli RT-RAEE, DR-RAA, TE-RAEE, MG RAEE.

Ogni dichiarante deve compilare un solo MUD nelle modalità seguenti:

  1. Produttori (iniziali che producono non più di 7 rifiuti e per ogni rifiuto utilizzano non più di tre trasportatori e tre destinatari finali in Italia): Comunicazione Rifiuti Semplificata (CRS) o Comunicazione Rifiuti (CR) da inviare tramite PEC o Trasmissione telematica (TT);

  2. Altri produttor iniziali e nuovi produttori: devono presentare il CR tramite TT;

  3. Gestori (recuperatori, trasportatori, nuovi produttori): devono presentare il CR specifiche (per RAEE, imballaggi o VFU) tramite TT;

  4. Intermediari e commercianti senza detenzione dei rifiuti: devono presentare il CR tramite TT;

  5. CONAI: deve presentare la comunicazione per imballaggi da trasmettere in via telematica;

  6. Soggetti istituzionali responsabili della gestione dei rifiuti urbani: devono presentare comunicazione specifica per rifiuti urbani e assimilati da inviare tramite PEC;

  7. Produttori AEE e sistemi collettivi di finanziamento: presentazione della comunicazione specifica per AEE in via telematica.

Coloro che possono presentare il MUD in forma semplificata devono compilare la comunicazione di competenza per tipologia, apporre la firma autografa o digitale, creare un file .pdf unico che contenga la Dichiarazione formata, la prova del versamento dei diritti di segreteria alla Camera di commercio competente, il documento di identità (solo in caso di presentazione del modulo in versione cartacea e non digitale), e infine, spedire il file tramite PEC.

Invio telematico e scadenze

Per l’invio telematico, occorre che i dichiaranti siano in possesso di un dispositivo per la firma digitale, il file da trasmettere in formato .pdf. Le associazioni di categoria, CAF e studi di consulenza possono inviare il MUD per conto dei propri assistiti, ma occorre pagare i diritti di segreteria tramite carta di credito o il sito di Infocamere (10 € per dichiarazione). Il termine di scadenza per la presentazione del modello è fissato in 120 giorni dal decorrere della data di pubblicazione del decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri che viene pubblicato ogni anno entro il 1° marzo.