Il grembiule da cucina personalizzato non è solo estremamente comodo in cucina, in quanto protegge durante la preparazione del cibo, ma è anche un’occasione per regalarsi un accessorio elegante e originale. Gli chef e i barman non si separano mai dal proprio grembiule, ma anzi scelgono molto spesso di renderlo personale, dando un tocco creativo al proprio lavoro. Infine, per le aziende che si occupano di marketing, distribuire grembiuli personalizzati è un’idea gadget super apprezzata: tutti cucinano e necessitano di un accessorio simile.

Grembiule da cucina personalizzato: cos’è?

Se pensate che il grembiule non sia una strategia di marketing, vi sbagliate di grosso. In realtà è probabilmente una delle più potenti, in quanto l’abbigliamento è parte integrante dell’immagine che ci facciamo degli altri e soprattutto di un’azienda. Per questo non è insolito inserire il logo sul grembiule, un’aggiunta preziosa per un’idea strategica.

Ammettiamo, infine, che c’è un po’ quel “fascino della divisa”: è potenzialmente elegante e, in alcuni casi, persino simpatico e originale, in particolare quando viene abbinato a un concept divertente. Possono rendere moltissimo come articolo pubblicitario per gli eventi aziendali, ma anche come regalo promozionale da parte delle aziende, con il fine ultimo di fidelizzare e rendere felici i propri clienti.

Il grembiule come strategia di marketing

Il grembiule viene spesso usato come una strategia di comunicazione: basti pensare all’azienda Starbucks, nota in tutto il mondo per il tipico grembiule marrone, che rievocava nei clienti la stessa sfumatura del caffè. Con il tempo, è diventato una sorta di strategia di fidelizzazione. Il marketing ha in effetti una sorta di lato umano da non sottovalutare.

Una strategia sembra semplice, ma non lo è quasi mai: c’è un concept dietro. Gli chef o i barman non indossano il grembiule personalizzato solo per proteggersi, ma per identificarsi con l’azienda, il locale, il ristorante, il pub: il luogo di lavoro. Focalizzarsi dunque sul grembiule da scegliere non è affatto sbagliato e può portare a ottimi risultati.

I colori dei grembiuli, poi, sono moltissimi: si adattano a ogni tonalità e sfumatura, e dunque è davvero impossibile non rimanere in qualche modo affascinati dalle loro potenzialità. Ma come rendere al meglio questo accessorio? Come personalizzarlo? Qualche spunto e dritta da sfruttare.

Come personalizzare un grembiule? Idee originali

Le idee per personalizzare il proprio grembiule da cucina sono molte: prima di tutto, però, cercate di capire dove volete utilizzarlo. Per la cucina di casa vostra o del ristorante? In questo modo vi sarà più facile scegliere le idee migliori, magari le più originali. Iniziamo dal logo: se siete un’azienda, non dimenticatelo mai. È la vostra voce, è l’identificazione comune, è il motivo per cui i clienti vi conoscono e vi associano subito a uno spunto, una caratteristica. I privati, invece, possono scegliere di puntare su un grembiule che abbia un significato: per chi ama cucinare, è possibile adottare immagini simpatiche ed esplicative, come il classico piatto di spaghetti.

I grembiuli personalizzati sono un’ottima idea regalo, oltre che un articolo pubblicitario pensato ad hoc. Non c’è alcun limite sui modelli che possono essere realizzati. L’eleganza di un grembiule, poi, deve essere riconoscibile: magari un buon materiale, resistente, che duri a lungo e che permetta ai clienti di notare la vostra attenzione ai dettagli.

Durante un evento dedicato al cibo e alla ristorazione, distribuire grembiuli personalizzali è una strategia di marketing molto comune: cosa fare per distinguersi? Scegliere un prodotto impeccabile, di ottima qualità, e inoltre renderlo originale e speciale, puntando su un colore acceso. Come sempre, l’importante è sapersi distinguere dai competitor.

Di admin