Un ottimo strumento per aiutare l’ecologia: i sacchetti riutilizzabili

Tutti quanti dichiarano, e c’è da sperare che molti lo facciano in buona fede, di voler fare qualcosa per contribuire alla difesa dell’ambiente: e non c’è dubbio che da ogni parte ci si senta promettere che ogni nuovo prodotto porterà la soluzione definitiva al problema, oltre a farci risparmiare somme eccezionali. Senza nulla voler togliere a questi coraggiosi tentativi di far bene, non bisognerebbe però perdere di vista il fatto che bastano gesti ancora più semplici e banali – purchè quotidiani – ad ottenere risultati ben superiori, cose piccole come scegliere i giusti sacchetti per la spesa e puntare su quelli riutilizzabili. Queste borse infatti durano a lungo e permettono di evitare l’acquisto, l’utilizzo, e soprattutto lo smaltimento di molte centinaia dei tradizionali sacchetti di plastica, con le ricadute positive che è facile immaginare in termini di riduzione dell’inquinamento.

Ma fare una scelta di questo tipo, come accennavamo, non si limita ad avere le positive conseguenze sull’ambiente che abbiamo citato, ma ne ha anche di economiche, e non indifferenti. Abbiamo mai considerato, ad esempio, i costi occulti delle borse monouso, di plastica o di carta che siano? Costi di fabbricazione e di distribuzione, che copriamo con i rincari sulla merce; costi per la pulizia e lo smaltimento, che copriamo con le nostre tasse. Tutti costi che possiamo risparmiare con i sacchetti riutilizzabili, soprattutto se li acquistiamo online, dove ne troviamo di ogni tipo e di ogni costo, in materiali che vanno dalla plastica tessuta, a materiali compostabili, alla classica canapa.

Un acquisto di questo tipo non va sottovalutato: se ben scelta fra quelle realizzate con materiali superiori, una borsa riutilizzabile può durare più o meno come settecento sacchetti monouso. E se consideriamo che un normale sacchetto di polietilene impiega circa un migliaio di anni per decomporsi in una discarica, e che il 99% dei sacchetti viene gettato senza essere riciclato, sarà facile calcolare quanto inquinamento potremo evitare con un passaggio culturale a questo nuovo strumento, contribuendo in maniera reale e semplice alla difesa dell’ambiente.